Ascesso nel gatto: cause, fattori rischio e trattamenti

Un ascesso è una “sacca di pus” situata in qualche parte del corpo. Gli ascessi vengono tipicamente descritti in base alla loro posizione nel corpo. Ad esempio, un ascesso alla radice di un dente si verifica alla punta della radice del dente, mentre un ascesso sottocutaneo si forma sotto la pelle.

Solitamente, un ascesso si manifesta improvvisamente come un gonfiore doloroso che può essere sia solido al tatto sia compressibile come un palloncino d’acqua. Se l’ascesso è situato all’interno di una cavità corporea o in un tessuto profondo, potresti non notare alcun gonfiore.

L’ascesso può essere grande o piccolo, spesso provoca arrossamento se si trova sotto la pelle e può causare una distruzione del tessuto locale. Alcuni ascessi possono rompersi, liberando un liquido denso e maleodorante.

Un gatto con un ascesso spesso avrà febbre, anche se l’ascesso si è rotto e drenato all’esterno del corpo. Se l’ascesso è situato all’interno del corpo (ad esempio, nel fegato), ci si aspetta la febbre e potrebbero esserci ulteriori complicazioni come un’infezione interna diffusa o batteri nel flusso sanguigno se l’ascesso si rompe internamente. I gatti colpiti saranno spesso letargici o ritirati, disidratati e avranno scarso appetito.

Quali sono le cause degli ascessi?

Ci sono molte possibili cause di ascessi nei gatti. Una delle cause più comuni è un morso da parte di un altro animale. Il morso introduce batteri nella ferita, che diventa infetta e, a seconda dei batteri coinvolti e della profondità del morso, può risultare in un ascesso. Ferite penetranti da oggetti inanimati come bastoncini e semi d’erba possono anche portare a ascessi, così come avere avuto una precedente infezione nel sito.

Alcune specie batteriche sono spesso coinvolte nella formazione di ascessi, tra cui:

• batteri formatori di pus come Staphylococcus, Escherichia coli, alcune specie di Streptococcus, Pseudomonas, Mycoplasma, Pasteurella, Corynebacterium, Actinomyces, Nocardia e Bartonella

• batteri che possono vivere e crescere solo in assenza di ossigeno, in ascessi più profondi o interni, come Bacteroides, Clostridium e Fusobacterium. In un singolo ascesso possono essere presenti diverse specie batteriche.

Ci sono particolari fattori di rischio per lo sviluppo di ascessi?

Alcuni tessuti e organi sono più comunemente colpiti da ascessi.

• Un danno a un dente o una grave malattia parodontale può risultare in un ascesso alla radice del dente.

• Un morso può causare un ascesso sotto la pelle, quindi i gatti che combattono o escono all’aperto sono a maggior rischio.

• Un corpo estraneo inalato o una grave polmonite possono causare un ascesso polmonare. I gatti con gravi o croniche infezioni delle vie respiratorie superiori o asma possono essere più inclini a queste infezioni polmonari.

• Un’infezione dell’orecchio interno, una grave infezione dei seni o un’infezione profonda nella bocca possono causare un ascesso cerebrale.

• Un’infezione del sangue può causare un ascesso epatico.

• Una malattia cronica gastrointestinale o una pancreatite possono causare ascessi pancreatici.

• Ghiandole anali impattate possono portare a ascessi delle ghiandole anali.

• I tumori cancerosi sono anche inclini a infezioni secondarie e ascessi a causa della mancanza di apporto di sangue. I gatti con sistemi immunitari compromessi, come quelli colpiti dal virus dell’immunodeficienza felina (FIV) o dal virus della leucemia felina (FeLV), possono essere più suscettibili alla formazione di ascessi, poiché il loro corpo non combatte adeguatamente le infezioni. I farmaci immunosoppressori possono anche compromettere il sistema immunitario, così come condizioni come il diabete mellito e la malattia di Cushing.

Come vengono trattati gli ascessi?

Il trattamento degli ascessi dipende dalla posizione e dalla gravità dell’infezione. La maggior parte degli ascessi viene trattata in ambulatorio, piuttosto che in ospedale. La chiave è rimuovere la sacca di pus, chirurgicamente o drenandola e lavandola. Se un corpo estraneo ha causato l’ascesso, è fondamentale che venga completamente rimosso o l’ascesso tornerà. Se è presente un ascesso alla radice di un dente, il dente malato deve essere rimosso chirurgicamente.

“È anche importante garantire un adeguato sollievo dal dolore durante il trattamento di un ascesso.” La terapia antibiotica appropriata è una componente critica del trattamento di successo degli ascessi, indipendentemente dalla loro posizione. L’antibiotico sarà scelto in base ai batteri coinvolti. La durata del trattamento dipenderà sia dai batteri sia dalla posizione dell’ascesso. Spesso, il veterinario consiglierà di inviare un campione di pus a un laboratorio di riferimento per essere coltivato, in modo che i batteri coinvolti possano essere identificati e possa essere scelto un antibiotico appropriato.

È importante somministrare gli antibiotici per tutto il tempo in cui sono prescritti. È anche importante garantire un adeguato sollievo dal dolore durante il trattamento di un ascesso. Il veterinario potrebbe prescrivere un appropriato farmaco antidolorifico da somministrare insieme all’antibiotico. Il veterinario potrebbe anche parlare con te di una nutrizione e idratazione adeguate per garantire una corretta guarigione, che potrebbe comportare una temporanea modifica della dieta.

Infine, sarà importante limitare l’attività durante la convalescenza per permettere al tessuto coinvolto di guarire correttamente. Se è stata necessaria una chirurgia per rimuovere l’ascesso, è obbligatorio mantenere il gatto tranquillo e contenuto.

C’è un follow-up per il mio gatto di cui dovrei essere a conoscenza?

Mentre il tuo gatto guarisce da un ascesso, è importante monitorare un aumento del drenaggio dal sito dell’ascesso (se l’ascesso è superficiale) o qualsiasi evidenza che il gatto non stia migliorando (se l’ascesso è interno). Evitare una futura recidiva dipende da dove si è verificato l’ascesso e da quali tessuti sono coinvolti. Ad esempio, nel caso di ripetuti ascessi delle ghiandole anali, potrebbe essere consigliata la rimozione chirurgica della ghiandola. Nel caso di un ascesso prostatico, la castrazione può prevenire una recidiva. Per gli ascessi da morso, evitare situazioni di combattimento o di gioco che potrebbero causare una recidiva.

Un trattamento ritardato o inadeguato può portare a tratti di drenaggio cronico nel tessuto o addirittura a compromissione del sistema organico, quindi è importante seguire tutte le istruzioni di trattamento del veterinario. Un adeguato drenaggio o rimozione dell’ascesso, seguito da un adeguato follow-up e somministrazione di antibiotici, farmaci antidolorifici e nutrizione, dovrebbe portare a una completa guarigione.

ultimi articoli

Spazzolare il proprio gatto

La cura del pelo del gatto non è solo una questione estetica, ma rappresenta un aspetto fondamentale per garantire il benessere fisico e psicologico...

Urolitiasi Felina da Struvite e Ossalato di Calcio

L'urina del gatto è una soluzione intricata in cui sali, come l'ossalato di calcio e il fosfato di magnesio ammonio, possono rimanere in soluzione...

I vari significati del movimento della coda del gatto

Il movimento della coda del gatto è molto più complesso rispetto a quello del cane. Ci sono diversi modi in cui un gatto può...

Come capire se il tuo gatto ha freddo

Il tuo gatto cerca più coccole ultimamente? Con il calo delle temperature, il tuo gatto cercherà fonti di calore affidabili, e tu sei una...

Virus della Panleucopenia Felina o Distemper Felino

Il Virus della Panleucopenia Felina, noto anche come Distemper Felino, è una malattia infettiva altamente contagiosa e potenzialmente letale per i gatti. Colpisce principalmente...